I “ PIOMBI” DI VIVALDI IN ESCLUSIVA ALL’AMIATA PIANO FESTIVAL

   Al Forum Bertarelli di Poggi del Sasso è tornata a risuonare, per la prima volta dopo tre secoli, la particolare vibrazione sonora – dai possibili significati alchemici – che il “Prete rosso” otteneva mediante speciali dispositivi applicati ai violini. Standing ovation per l’inedita interpretazione dell’orchestra barocca “Silete Venti!” diretta da Simone Toni e per il soprano Raffaella Milanesi. Il festival riprenderà a fine giugno. 

Grandi applausi sabato scorso (19 maggio 2018) per il Concerto anteprima dell’Amiata Piano Festival, che ha avuto come protagonista  “Silete Venti!”. L’orchestra barocca fondata e diretta da Simone Toni non ha smentito la critica musicale che l’ha definita rivoluzionaria per il modo unico, rigoroso ma appassionato, vivo e palpitante con cui suona la musica di Antonio Vivaldi.

Al pubblico del Forum Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, Grosseto) l’orchestra ha presentato un’esclusiva: ha suonato il “Nisi Dominus” di Antonio Vivaldi – un brano celebre che peraltro è stato inserito nella colonna sonora dell’ultimo film di James Bond – rispettando per la prima volta con esattezza una particolare indicazione esecutiva del “Prete rosso”.

Dopo approfondite ricerche sui manoscritti, Simone Toni ha infatti scoperto e fatto ricostruire dei dispositivi speciali – sulla partitura Vivaldi scrive: “con i piombi” – che vanno applicati sui violini. Un accorgimento singolare che dà vita a una vibrazione sonora di grande suggestione – dai possibili significati alchemici – che è stata riprodotta per la prima volta dopo tre secoli all’Amiata Piano Festival e che è stato possibile apprezzare anche grazie alle straordinarie qualità acustiche del Forum Bertarelli.

Standing ovation anche per il soprano Raffaella Milanesi e per gli altri brani vivaldiani in programma: le Sinfonie per archi “Il Coro delle Muse” e “Al Santo Sepolcro”, lo “Stabat Mater”, il Concerto per viola d’amore RV 394 e, come bis,  What power art thou di Henry Purcell.

Il festival riprenderà l’ultimo weekend di giugno e proseguirà sino a dicembre con musica sinfonica, da camera, jazz e tango, e degustazioni di vini sullo sfondo naturalistico della Maremma grossetana.

I prossimi concerti: Baccus (28/29/30 giugno e 1 luglio), Euterpe (26/28 luglio), Dionisus (30/31 agosto, 1/2 settembre), Concerti di Natale (8/9dicembre). Biglietti: www.boxofficetoscana.it Info: www.amiatapianofestival.comTel. + 39 339 4420336

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi