AMIATA MUSIC MASTER: IL TALENT SHOW DELLA MUSICA CLASSICA SCOMMETTE SUGLI STRUMENTI A FIATO

L’impegno, la passione e lo slancio giovanile caratterizzano l’Ensemble di Fiati del Conservatorio “Verdi” di Milano. Punta di diamante di una eccellenza accademica rinomata in tutto il mondo, sarà di scena il 25 agosto al Forum Bertarelli.

 

Largo ai giovani dell’Ensemble di Fiati del Conservatorio “Verdi” di Milano. Diretti da Alessandro Bombonati, alcuni tra i migliori allievi della prestigiosa istituzione, saranno di scena venerdì 25 agosto 2017 h.19 al Forum Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, GR) per il cartellone dell’Amiata Piano Festival. 

 

Gli allievi-musicisti dell’Istituto milanese sono stati selezionati appositamente per preparazione e solidità esecutiva, ma anche per slancio e freschezza interpretativa. All’Amiata Piano Festival si confronteranno con un repertorio, quello di Richard Strauss per fiati, a torto poco frequentato.

 

Li dirigerà Alessandro Bombonati: clarinettista e compositore si è perfezionato in direzione d’orchestra con Daniele Gatti all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e, oltre a insegnare al “Verdi”, vanta un’intensa attività artistica con orchestre prestigiose.

Il programma della serata è un avvincente percorso che intende esplorare il linguaggio lirico e coloristico che caratterizza l’estetica tardoromantica di cui Strauss è punto di riferimento fondamentale.

Sarà un’occasione preziosa per ascoltare due suoi splendidi capolavori: la Serenata op. 7 e la Suite op. 4 entrambe per tredici strumenti a fiato e la prima Sonatina in Fa maggiore per sedici strumenti a fiato “Aus der Werkstatt eines Invaliden” op.135 composta nel 1943 tra Vienna e Garmisch.

 

Il progetto fa parte del format “Amiata Music Master”, nato allo scopo di offrire ai nuovi talenti della musica classica concrete opportunità di farsi ascoltare in un festival che conta, accanto ad artisti dalla carriera conclamata.

“Diamo spazio ai giovani senza demagogie”, racconta Baglini, “sul palco del Forum Bertarelli potranno farsi ascoltare da un pubblico qualificato come quello dell’Amiata Piano Festival”.

 

Prossimi appuntamenti.

 Sabato 26 agosto riflettori puntati su tre grandi artisti già applauditi al festival: la violinista Anna Tifu, la violoncellista Silvia Chiesa (artista residente) e il direttore d’orchestra Luciano Acocella, questa volta sul podio dell’Orchestra Senzaspine. In programma due capisaldi del sinfonismo ottocentesco: il Concerto per violino e violoncello op. 102 di Brahms e la Quinta Sinfonia di Beethoven.

Domenica 27 agosto, ultimo appuntamento dell’estate nel segno del barocco. Protagonista l’autorevole Zefiro Baroque Orchestra, punto di riferimento internazionale per questo peculiare repertorio, diretto da Alfredo Bernardini. Serata tutta dedicata ad autori italiani del Sei e Settecento: Vivaldi, ma anche Albinoni, Platti, Lotti e Alessandro Marcello.

 

Il cartellone dell’Amiata Piano Festival 2017 proseguirà con due Concerti di Natale l’8 e il 9 dicembre.

 

Come di consueto al pubblico verrà offerta una degustazione con i magnifici vini della Cantina ColleMassari, accompagnata da un assaggio di prodotti tipici del territorio.

 

I concerti iniziano tutti alle h. 19.00.

 

Fondato e diretto da Maurizio Baglini, l’Amiata Piano Festival è sostenuto dalla Fondazione Bertarelli.

 

Biglietti: www.boxofficetoscana.it

Info: www.amiatapianofestival.com   tickets@amiatapianofestival.com – Tel.: + 39 339 4420336

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi